Il Real è vivo ma non basta: Il Domitia si impone 9-6

Il cambio in panchina giova a metà: grande prestazione ma ad imporsi sono i campani

Giova solo in parte il cambio di panchina in casa Real Team. La tanto attesa “scossa” c’è stata soprattutto nella prestazione e non nel risultato, che premia uno Junior Domitia più cinico sul finale di gara. Si mangia invece le mani il sodalizio biancoazzurro, per non aver saputo sfruttare al meglio il doppio vantaggio iniziale ed anche alcune occasioni preziose giunte dopo aver riagguantato il pari nella ripresa.

Primo tempo a dir poco incredibile nel quale succede di tutto: a trovare il vantaggio sono i biancoazzurri grazie a Lamacchia che al 4’16” conclude una meravigliosa azione orchestrata da tutto il quartetto di movimento. Real in palla e si vede: la difesa regge e le sortite offensive ospiti fanno male come al 7’32”, quando Ferrante sigla il clamoroso autogol che porta i materani sullo 0-2. Il doppio vantaggio ha l’effetto di scuotere i padroni di casa e “cullare” il roster materano che abbassa il baricentro anche per merito del Domitia, la cui manovra si fa sempre più insistente. Paolicelli tiene botta con diverse parate al limite del possibile ma nulla può sul tiro dalla distanza di Giordano che riapre il match al 14’33”. Inizia così un botta e risposta che alla fine del primo tempo premierà i padroni di casa: pareggio di Piperno che al volo punisce l’incolpevole Paolicelli al 16’27”, nuovo vantaggio ospite con il gran gol di Paladino al 16’42”, e monologo Junior Domitia fino allo squillo della sirena. Le reti del pari e del vantaggio arrivano grazie a Cerrone (16’58” e al 17’22”), e al secondo sigillo di Piperno al 19’33”.

La ripresa ricomincia così come si era concluso il primo tempo, Junior Domitia ancora dominante e risultato apparentemente in cassaforte al 3’ grazie al gol di De Lucia che garantisce il triplo vantaggio al roster campano. Il Real prova a reagire con Capitan Vivilecchia che a due passi dall’estremo Marchesano non riesce a riaprire il match. Il Real però è vivo ma trova spesso sulla sua strada il portiere di casa che nulla può al 7’14” sul piattone di Vivilecchia che porta il punteggio sul 6-4. Falchi materani completamente rivitalizzati: la voglia di fare risultato è tanta e Giannace all’8’45” trova il sinistro velenoso e vincente che punisce per la quinta volta Marchesano. Pareggio che sfuma letteralmente pochi secondi dopo con una tripla occasione: prima Giannace in contropiede e poi Panarella per due volte non trovano il guizzo vincente sulla linea di porta, grazie anche alla buona guardia della difesa di casa.

Per trovare il pareggio serve quindi un autentico capolavoro di Capitan Vivilecchia: il cronometro segna 14’33 quando il bomber materano sfrutta l’assist di Giannace e con una girata di controbalzo trova l’angolino più lontano. Solo la rete del pari sveglia nuovamente il Domitia la cui voglia di fare bottino pieno si scontra ancora una volta con Paolicelli che in più di un’occasione salva il risultato. Il giovane estremo materano nulla può al 17’ sul tocco ravvicinato di Palumbo che sfrutta uno schema su punizione. Negli ultimi tre minuti il Real deve anche combattere con i tiri liberi del bomber di casa Piperno e dopo il primo parato da Paolicelli, arriva al 18’25” la rete dell’8-6 che congela il match a favore dei campani. A nulla serve la mossa del giocatore di movimento tentata da mister Grieco che si rivela utile per i padroni di casa, abili al 19’15” a recuperare una palla vagante e a trovare a porta sguarnita il gol del definitivo 9-6 che porta la firma di Cerrone.

Un vero peccato per il team materano che probabilmente meritava un risultato migliore. L’avversario era sicuramente alla portata ma non era facile reagire alle recenti deludenti prestazioni. La reazione c’è stata ed è stata veemente soprattutto ad inizio match e per tutto il secondo tempo, che ha visto i padroni di casa svegliarsi solo nei minuti finali. Grande rammarico in casa Real anche in vista di una classifica che ormai lambisce il drammatico. Il match fra Limatola e San Gerardo è stato rinviato pertanto almeno per il momento i materani conservano l’ultima posizione utile per non incappare nei play off. Sabato prossimo un’altra buona occasione per ottenere preziosi punti salvezza che ormai latitano da troppe giornate. A Matera arriverà il Futsal Acerra, distante sempre tre punti dal Real Team: sarà l’occasione per constatare se quanto di buono mostrato oggi dai ragazzi di Grieco porterà finalmente i frutti sperati.

 

JUNIOR DOMITIA – REAL TEAM MATERA 9-6

 

Junior Domitia: Marchesano, Coppola, Ferrante, Fedele, Piperno, Di iorio, Palumbo, Esposito, De Lucia, Rennella, Cerrone, Giordano. All. Breglia.

 

Real Team: Paolicelli, Paladino, Lamacchia, Ambrosecchia, Giannandrea, Giannace, Melodia, Lecci, Ladisi, Vivilecchia, Panarella, De Luca. All. Grieco

 

 Reti: 4’16” Lamacchia (RT), 7’32 auto Ferrante (RT), 14’33 Giordano (JD), 16’27” Piperno (JD), 16’42” Paladino (RT), 16’58” e 17’22” Cerrone (JD), 19’30” Piperno (JD), 3’st De Lucia (JD), 7’14” Vivilecchia (RT), 8’45” Giannace (RT), 14’33” Vivilecchia (RT), 17’ Palumbo (JD), 18’25” Piperno (JD), 19’25”Cerrone (JD)